Pidocchi a scuola: calma e sangue freddo!

Gentile signora,
Egregio signore,

è stata riscontrata nella nostra scuola la presenza di pidocchi. È possibile che anche vostro/a figlio/a ne sia colpito.
Avere i pidocchi è una cosa assai frequente tra i ragazzi. Avere i pidocchi non è mancanza di igiene: neppure lavando i capelli tutti i giorni ci si può proteggere. Il contagio avviene principalmente per contatto diretto tra testa e testa, raramente attraverso l'uso comune di pettini, spazzole, cappelli o altri effetti personali. I pidocchi non saltano e non volano. Non è possibile contagiarsi tramite animali domestici.
Contribuite anche voi ad evitare la diffusione dei pidocchi: controllate regolarmente e accuratamente vostro/a figlio/a nei prossimi giorni e nelle prossime settimane.
Se avete dei dubbi sulla presenza di pidocchi fatevi consigliare dal medico o dal farmacista.
Evitate i trattamenti “alla cieca” con repellenti o con prodotti contro i pidocchi: possono essere tossici, rendere i pidocchi resistenti e creare false sicurezze.
Se vostro/a figlio/a ha i pidocchi, controllate tutti i familiari. Avvisate senza indugio il docente e i genitori dei suoi compagni di gioco in modo che possano controllare i propri figli ed eventualmente agire rapidamente.

Leggete il foglio informativo "Pidocchi? Subito via!" e seguite le semplici e basilari istruzioni in modo da agire con sicurezza ed efficacia.

Altre informazioni sul sito www.ti.ch/med selezionando Medicina scolastica, oppure contattate il medico del ragazzo, il farmacista o il medico scolastico.
Vi ringraziamo per la collaborazione e vi salutiamo cordialmente.

Per il Consiglio di direzione
prof. Robert Rüegger, direttore