La gioventù dibatte: titolo e podio ad allievi della Scuola media di Pregassona

>>> Guarda il servizio de "Il Quotidiano", 25.01.2016

>>> Galleria fotografica

>>> Articolo su lagioventudibatte.ch

Gli allievi della Scuola media di Pregassona Filippo Merlani e Alessia Berta hanno vinto il titolo cantonale di dibattito superando nella finalissima i compagni di sede Valentina Gandola e Jamiel Guerchadi.

Ben 24 coppie di allievi, in rappresentanza di sei sedi di scuola media (Cadenazzo, Camignolo, Giornico, Lodrino, Pregassona e Viganello), preparati da dodici docenti (Giada Baroni, Laura Born, Angela Fontana, Daniele Galfetti, Francesco Oleggini, Valeria Rolli, Luana Casella, Laura Colombi, Manuel Rossello, Sonia Vicari, Igor Negrini e Lucia Gianinazzi) hanno dato vita a un’intensa giornata di dibattiti nella splendida cornice della Biblioteca cantonale di Bellinzona.

Le qualificate giurie, che hanno ascoltato e valutato i dibattiti, erano composte da Orazio Dotta (direttore di Bibliomedia della Svizzera italiana), Monica Piffaretti (giornalista e scrittrice), Ursula Elsener (avvocato), Maurizio Binaghi (presidente dell’Associazione insegnanti di storia), Helena Glaser Tomasone (docente di economia e diritto al Liceo di Lugano 1), Isabella Medici (responsabile dell’Associazione Helvetas Ticino), Stefania Hubmann (giornalista), Marco Guaita (esperto d’italiano nelle scuole medie), Mauro Clerici (ex vice direttore di scuola media), Anna Bosia (insegnante di italiano nelle scuole medie), Damiano Pasquali (studente universitario e membro del Consiglio cantonale di giovani), Valerie Debernardi (studentessa universitaria).

Secondo i giurati il livello generale dei dibattiti è stato elevato, soprattutto in considerazione della giovane età dei partecipanti (14-15 anni) e della difficoltà dei temi assegnati dagli organizzatori.

A questo proposito ricordiamo che nei dibattiti di qualificazione i giovani hanno affrontato il tema: «Si dovrebbe introdurre «l’educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia diretta» quale nuova materia d’insegnamento, come chiede l’iniziativa popolare legislativa generica del 9 aprile 2013?»

Mentre nelle semifinali e nella finale hanno dibattuto il tema: «Le organizzazioni di cooperazione internazionale dovrebberio adottare un codice di condotta che limiti l’uso di immagini di bambini denutriti e ammalati nelle loro campagne di raccolta fondi?»

Il direttore del DECS Manuele Bertoli e il sindaco della città di Bellinzona Mario Branda hanno portato il saluto ai partecipanti. Nei loro interventi hanno ricordato la centralità del dibattito nella nostra democrazia e l’importanza dello scambio di opinioni approfondito, fondato razionalmente e rispettoso dell’altro, quale strumento di educazione dei giovani alla vita politica attiva.

Un ringraziamento particolare va ai collaboratori Rita Chianese, Valeria Fovini, Samantha Rinaldi e Sebastiano Caroni, come pure agli sponsor Swisslos e Coop cultura che hanno reso possibile la manifestazione.

Al Concorso era pure presente la RSI, che ha realizzato un bel servizio, curato da Francesca Motta, passato al Il Quotidiano e visibile al seguente link.